Inland Sea

È il “mare interno”, il mare circondato dalla terra. Il richiamo al Mar Mediterraneo, tradotto qui in versione anglofila, ispira da alcuni anni questa atipica band milanese, che ha avuto apprezzamenti per il suo alternative-pop maturo e raffinato. Inland Sea è un “mare interno” profondo e passionale.

Gli Inland Sea producono un primo omonimo cd-demo nel 2008, che ottiene buone recensioni, e giungono quindi nel Maggio 2010 a pubblicare l’album Things change, per l’etichetta indipendente Palbertmusic.Il brano di apertura “Come to me now” attira attenzioni, sia da parte di stampa e radio locali (primo in classifica su Radio Milano) che nazionali, tra cui Lifegate e Radio R101 (quest’ultima da Luglio a Settembre trasmette il brano ogni giorno).
Pur senza un’intensa promozione live, e distribuito quasi esclusivamente in digitale, l’album riscuote consensi, e la stessa Apple nel mese di Agosto sceglie il brano “In the air” come “Singolo della Settimana” su iTunes, ottenendo migliaia di download in pochi giorni. L’album giunge sino al terzo posto nella classifica “alternative” di iTunes.

Ma dopo le fugaci incursioni nel mainstream, e i fragili voli digitali, gli Inland Sea tornano nei piccoli spazi, ai concerti per pochi amici, ad una dimensione di musica propria di chi ne ha sempre fatto non un mestiere, ma una passione. Il “bootleg” Live@Arci Metissage del Maggio 2011 ne è una fedele testimonianza.
Il 15 Marzo 2012 il nuovo album The passion, completamente autoprodotto, esce in download gratuito su Rockit, il più importante portale di musica indipendente italiana, dove è Album del giorno il 16 Aprile.

The passion sarà in vendita a partire dal 18 Maggio per l’etichetta My Place Records.

Inland Sea:
Paolo Spada (voce e chitarra acustica)
Giorgio Poletto (tastiere)
Alessandro Aricò (batteria e percussioni)
Vincenzo De Meo (basso e viola).